Tecnologia & Design - Service stampa 3D - Stratasys SAF + DyeMansion

Stratasys H350 e DyeMansion: la stampa 3D al servizio di progettisti e produzione

 Stratasys H350 e DyeMansion: la stampa 3D al servizio di progettisti e produzione
Tecnologia & Design è il primo service di stampa 3D in Italia ad avere nel proprio parco macchine la stampante 3D Stratasys H350 con tecnologia SAF, per la produzione in serie. Un primato importante per l'azienda che conta oltre vent’anni di esperienza nel settore dell’additive manufacturing ed è parte di SolidWorld Group, in qualità di Polo Tecnologico.
La solidità del gruppo SolidWorld Group è testimoniata dall’impegno di ben undici aziende attive sul mercato nazionale e internazionale, le quali collaborano instaurando fra loro preziose sinergie. Come nel caso di Tecnologia & Design, leader nei servizi di design e stampa 3D, che ha fatto affidamento su Energy Group per l’acquisto del sistema industriale Stratasys H350 e di altre tecnologie di supporto alla produzione additiva, quali ad esempio le macchine DyeMansion per la parte di trattamenti superficiali e post processing.
Tecnologia & Design fa anche parte del Global Manufacturing Network, una rete di 15 poli tecnologici di eccellenza istituita da Stratasys a livello mondiale come catena di fornitura globale qualificata su richiesta. Un’altra sinergia fra aziende dotate di competenze e tecnologie specifiche, in grado di soddisfare qualsiasi esigenza di produzione.

CS_Stratasys-H350-SAF-DyeMansion_TecnologiaDesign_cover.jpg

Seguire il cliente dal progetto all’oggetto

“In Tecnologia & Design – afferma Daniele Scudeler, responsabile commerciale – l’attività principale consiste nel seguire i clienti in tutte le fasi dello sviluppo prodotto, dal co-design alla progettazione, dalla scansione 3D alla reverse engineering fino al supporto all’industrializzazione del progetto. Offriamo un servizio di prototipazione rapida attraverso le stampanti 3D industriali di cui siamo dotati, oltre a evadere le crescenti richieste di vere e proprie produzioni in serie o preserie. Siamo anche un’azienda certificata ISO 9001 2015 per la produzione e l’assemblaggio di particolari plastici e metallici con sistemi additivi.”
"I nostri clienti - conclude Scudeler – appartengono a diverse categorie merceologiche: automotive, motorsport, occhialeria, calzatura, home design, elettrodomestici, meccanica e sport system. Si tratta di un universo vasto e variegato, con esigenze diverse, che noi sappiamo interpretare e soddisfare con soluzioni tecnologiche personalizzate.”

CS_Stratasys-H350-SAF-DyeMansion_TecnologiaDesign_3.jpg

Stratasys H350, una macchina da produzione

“Alla domanda crescente di produzioni in serie e preserie oggi rispondiamo con la tecnologia Stratasys H350: una macchina pensata per la produzione su larga scala”, afferma Scudeler: “Non avevamo mai incontrato finora stampanti 3D con queste caratteristiche, che la rendono la nuova frontiera della manifattura additiva. Parliamo di velocità di lavorazione, qualità dei prodotti finiti, ripetibilità e uniformità dei risultati, coerenza e precisione della stampa, stabilità e controllo dei processi.” Secondo il responsabile commerciale di Tecnologia & Design, la tecnologia Stratasys, si sta dimostrando perfetta per produrre elementi personalizzati di medio-piccole dimensioni, anche in grandi quantità: di fatto, l’esigenza di molte aziende al giorno d’oggi. Inoltre, secondo il responsabile tecnico di Tecnologia & Design, Ilario Miotto, uno dei vantaggi competitivi più importanti della Stratasys H350 è l’abbattimento del costo di tutte le attrezzature extra che solitamente una produzione “classica” di parti in plastica richiede: “Cerchiamo di dare risposte personalizzate alle esigenze di ogni nostro singolo cliente”, spiega Miotto. “Se ci troviamo di fronte a scopi produttivi, addirittura a dover consegnare oggetti che siano veri e propri beni di consumo, la risposta migliore è nuovamente la tecnologia SAF della stampante 3D Stratasys H350”, conclude.

CS_Stratasys-H350-SAF-DyeMansion_TecnologiaDesign_pulizia.jpg

La polvere di Nylon PA11: il “plus” che fa la differenza

Ilario Miotto ci racconta in sintesi il funzionamento della tecnologia Stratasys H350. “La nostra stampante 3D H350 utilizza come materia prima la polvere di Nylon PA 11, ricavata da semi di ricino da coltivazione sostenibile, con una granulometria molto sottile, 30/40 micron di granulo, pari a 0,03 mm. L’impianto costruttivo è molto semplice: all’interno di un box di lavoro c’è un piano che si muove dall’alto scendendo lungo l’asse z di un decimo di mm ogni volta e due recoter. Il primo recoter passa e stende un decimo di mm di polvere su tutto il piano di lavoro, poi passa il secondo recoter con una lampada che scalda portando la polvere depositata appena sotto la temperatura di fusione. Il materiale si fonde solo sulle parti strutturali dell’oggetto, riconosciute dalla macchina, su cui sarà stato spruzzato un attivatore, tipo colla, che permette la fusione e la solidificazione della polvere. Si procede così, strato su strato”.

Una quantità di oggetti sul piano mai vista prima

Sul piano di lavoro il progettista programma la quantità di oggetti da stampare contemporaneamente. Un piano ben programmato prevede un’alta densità di oggetti presenti simultaneamente, per una ragione di abbattimento dei costi. “Maggiore è il numero di oggetti che riusciamo a stampare nello stesso tempo, minori saranno i costi di produzione”, afferma Miotto: “La stampante 3D Stratasys H350, a differenza dei competitor, permette una elevata presenza di oggetti sul piano di lavoro, riuscendo ad ottenere una densità molto elevata, anche superiore al 30%. Questo è un vantaggio competitivo non indifferente perché incide sul costo per pezzo e sui tempi di lavorazione, offrendo un risparmio anche sul time to market.”

CS_Stratasys-H350-SAF-DyeMansion_TecnologiaDesign_DM60.jpg

Un passo oltre la stampa 3D con i sistemi DyeMansion

La Stratasys H350 è in grado di fornire pezzi pronti all’uso: beni di consumo a tutti gli effetti. Spesso la produzione riguarda parti interne o puramente funzionali ma, quando è necessario che il manufatto abbia anche determinate caratteristiche estetiche, si ricorre a una fase aggiuntiva di post-processing per offrire un trattamento sulla superficie dell’oggetto. Ed è in questa fase che la tecnologia di post processing industriale DyeMansion interviene per creare un flusso di lavoro completamente automatizzato.

I sistemi di finitura che vengono utilizzati in questo ultimo step sono diversi, dai sistemi di pulitura alla pallinatura, sabbiatura, fino ad arrivare a sistemi di colorazione per immersione. “Per la parte di finitura”, ci racconta Ilario Miotto, “ci avvaliamo della tecnologia DyeMansion, distribuita in Italia da Energy Group. Abbiamo tre sistemi DyeMansion in Tecnologia & Design: Powershot S, Powershot C e DM60. Quando il pezzo finito esce dalla stampante Stratasys H350, che utilizza una tecnologia a letto di polvere, prima di tutto va pulito dalla polvere residua che rimane attaccata alla superficie.

CS_Stratasys-H350-SAF-DyeMansion_TecnologiaDesign_PowerShot.jpg

Si procede quindi con una prima fase automatica di sabbiatura con microsfere di vetro affidata alla macchina Powershot C S. Terminato questo step subentra la seconda macchina DyeMansion Pwershot S C, “sorella” della precedente, che opera nello stesso modo una nuova fase di sabbiatura ma utilizzando una sabbia di materiale diverso, con diametro più grosso, studiato appositamente per lisciare la superficie e rendere meno spigoloso l’oggetto. L’ultimo passaggio di DyeMansion è colorare il pezzo in modo automatico per immersione grazie al sistema DM60. Gli oggetti vengono messi all’interno di una camera con caratteristiche di temperatura e pressione specifiche, per far sì che questo colorante a contatto con l’acqua si fissi sul prodotto. I coloranti sono contenuti in cartucce proprietarie DyeMansion, specifici per il Nylon.” Siamo orgogliosi di poter dimostrare ancora una volta, grazie alle tecnologie Stratasys e DyeMansion e soprattutto ai preziosi risultati ottenuti da Tecnologia e Design, come l’integrazione fra i migliori sistemi 4.0 contribuisca al miglioramento dei processi produttivi. Una collaborazione fra tecnologie che porta verso il successo della produzione e alimenta lo sviluppo dell’industria.
Proprio come fa la collaborazione fra imprese.
Scopri altre storie di successo
ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE - AEROSPACE - Stratasys FDM

INFN: stampa 3D Stratasys per fabbricare pezzi certificati da usare sulla stazione spaziale internazionale

La tecnologia FDM di livello industriale Stratasys viene utilizzata dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) per produrre parti stampate in 3D certificate del primo telescopio cosmico per raggi UV, attualmente situato a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS).
Mimma Moda - Lavorazione tessuti - Stratasys 3DFashion

Mimma Moda e Stratasys: il lusso è TechStyle

Con la sua attività di alta sartoria avviata oltre 40 anni fa, Mimma Moda è un perfetto esempio di come funziona il Made in Italy. Gli esordi dell’azienda coincidono con la produzione di abbigliamento femminile per note firme della moda, in primis Brunello Cucinelli e poi Alberta Ferretti ed Ermenegildo Zegna, Laura Biagiotti e Valentino, solo per citare i più celebri.
Gallinea - COMPONENTI NAUTICI - Stratasys FDM

Gallinea passa dal progetto CAD al montaggio in poche ore con la stampa 3D FDM Stratasys

Gallinea realizza prodotti custom sviluppati per il settore nautico. Grazie alla stampante 3D Stratasys FDM F170 sono in grado di passare dalla progettazione CAD al montaggio nel giro di poche ore.
John Crane - Soluzioni per apparecchiature rotanti - Stratasys FDM

John Crane trasforma la produzione di attrezzaggi e ricambi di parti in metallo con la fabbricazione additiva

In una delle sedi europee di sviluppo della John Crane il nuovo team di produzione avanzata realizza stampi in 3D a supporto della linea di produzione, nonché maschere e fissaggi personalizzati a basso costo per testare rapidamente nuove idee di progetto e processi di produzione.
X
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti alla Newsletter